Giovedì, Aprile 27, 2017

Liguriastyle.it utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie
aggiornata al 23/05/2015

Questa informativa sull'utilizzo dei cookie sul nostro sito è resa all'utente in attuazione del provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell'8 maggio 2014 "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" e nel rispetto dell'art. 13 del Codice privacy (D.Lgs. n. 196/2003).

L'informativa è predisposta e aggiornata da

Liguriastyle.it con sede legale in Genova, Via Assarotti 7/9, tel.+39 010.261036, fax +39 010.2516499; e-mail: info@liguriastyle.it

Puoi utilizzare lo stesso indirizzo per esercitare in qualsiasi momento i diritti che il Codice ti attribuisce in qualità di interessato (art. 7 e ss D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196: ad esempio, accesso, cancellazione, aggiornamento, rettificazione, integrazione, ecc.), nonché per chiedere l'elenco aggiornato dei Responsabili del trattamento eventualmente designati.

I tuoi dati personali sono trattati in ogni caso da specifici incaricati di Liguriastyle.it, e non sono comunicati né diffusi.

CHE COSA SONO I COOKIE?

I cookie sono stringhe di testo di piccola dimensione che un sito web può inviare, durante la navigazione, al tuo dispositivo (sia esso un pc, un notebook, uno smartphone, un tablet; di norma sono conservati direttamente sul browser utilizzato per la navigazione). Lo stesso sito web che li ha trasmessi, poi può leggere e registrare i cookie che si trovano sullo stesso dispositivo per ottenere informazioni di vario tipo. Quali? Per ogni tipo di cookie c'è un ruolo ben definito.

QUANTI TIPI DI COOKIE ESISTONO?

Esistono due macro-categorie fondamentali, con caratteristiche diverse: cookie tecnici e cookie di profilazione

I cookie tecnici sono generalmente necessari per il corretto funzionamento del sito web e per permettere la navigazione; senza di essi potresti non essere in grado di visualizzare correttamente le pagine oppure di utilizzare alcuni servizi. Per esempio, un cookie tecnico è indispensabile per mantenere l'utente collegato durante tutta la visita a un sito web, oppure per memorizzare le impostazioni della lingua, della visualizzazione, e così via.
I cookie tecnici possono essere ulteriormente distinti in:

  • cookie di navigazione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate);
  • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici solo laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso. Per intenderci, come quelli che rilascia Cookies.Coffee;
  • cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

I cookie di profilazione sono più sofisticati! Questi cookie hanno il compito di profilare l'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso durante la sua navigazione.

I cookie possono, ancora, essere classificati come:

  • cookie di sessione, i quali vengono cancellati immediatamente alla chiusura del browser di navigazione;
  • cookie persistenti, i quali - a differenza di quelli di sessione - rimangono all'interno del browser per un determinato periodo di tempo. Sono utilizzati, ad esempio, per riconoscere il dispositivo che si collega al sito agevolando le operazioni di autenticazione per l'utente.
  • cookie di prima parte (first-part cookie) ossia cookie generati e gestiti direttamente dal soggetto gestore del sito web sul quale l'utente sta navigando.
  • cookie di terza parte (third-part cookie), i quali sono generati e gestiti da soggetti diversi dal gestore del sito web sul quale l'utente sta navigando (in forza, di regola, di un contratto tra il titolare del sito web e la terza parte).

QUALI COOKIE UTILIZZA Liguriastyle.it ?

Utilizziamo cookie tecnici, finalizzati a garantire il corretto funzionamento del nostro sito, senza dei quali la tua esperienza di navigazione non sarebbe gradevole, e l'uso del carrello per effettuare acquisti sarebbe impossibile.
Per migliorare il nostro sito e comprendere quali parti o elementi siano maggiormente apprezzati dagli utenti utilizziamo anche, come strumento di analisi anonima e aggregata, un cookie di terza parte, ossia Google Analytics. Questo cookie non è uno strumento di nostra titolarità, per maggiori informazioni, pertanto, è possibile consultare l'informativa fornita da Google al seguente indirizzo:http://www.google.it/policies/privacy/partners/

Se preferisci che Google Analytics non utilizzi i dati raccolti in nessun modo puoi:

I cookie tecnici e gli analytics sono gli unici cookie che usiamo per rendere la tua navigazione piacevole. Non utilizziamo invece cookie di profilazione.

 

L'Artigianato

Il talento degli artigiani liguri si esprime in mille forme, grazie a secoli di scambi culturali attraverso le rotte del Mediterraneo e al particolare ingegno di questo popolo “schiacciato” fra monti e mare.

La complessità culturale si trasforma in atti e creazioni frutto di lunghe riflessioni, oggetti in cui funzionalità e bellezza si fondono dando vita a significati più profondi.

Nei laboratori e nelle officine si susseguono generazioni di artigiani che, tramandandosi gli attrezzi e i segreti del mestiere, elaborano forme diverse e insolite.

Così nascono i finissimi arabeschi della filigrana, le policromie dei velluti e dei macramè, gli eleganti decori delle ceramiche, i profumi delicati degli oli baciati dal mare, i dolci semplici, ma ricchi di gusto.

 

Ardesia

L’ardesia viene prevalentemente estratta nelle cave del Tigullio, Val Fontanabuona e della Valle Argentina ad Arma di Taggia.
Utilizzata principalmente come materiale di copertura (si pensi ai tipici tetti grigi della Liguria), l’ardesia è sempre stata impiegata in realizzazioni di arte decorativa, con notevoli risultati plastici e destinazioni funzionali come portali, lastre per pittura e incisione, elementi di arredo e decorazione.

Ceramica

La Liguria tra il XVI e XVIII secolo era uno dei più importanti centri europei di produzione della ceramica. Il vasellame creato a Genova, Savona e Albisola è stato oggetto di una diffusione a vastissimo raggio che ha interessato, oltre a tutti i paesi europei, anche il continente americano.
La tradizione ceramista s’ispirava al gusto arabo per la decorazione, reinterpretandolo in chiave autoctona con esiti di grande originalità e bellezza, come testimoniato dalle splendide ceramiche e maioliche verde e turchese tutt’oggi rinomate.

Cioccolato

Il primo a ricevere in dono i semi del cacao - coltivato fin dal 400 dai Maya - fu Cristoforo Colombo. Solo con la conquista delle “Indie Occidentali” però si comprese l’importanza di questi semi dai quali si poteva ricavare il cioccolato.
A partire dalla seconda metà del Settecento, la cioccolata calda a Genova era molto in voga sia presso la nobiltà che presso i ceti meno abbienti. Nella zona di Prè esisteva Vico del Cioccolatte, così nominato in quanto sede antica dei fabbricanti di cioccolato e confettieri.

Damasco di Lorsica

Corona e palma sono i due disegni caratteristici dei damaschi del levante genovese. È a Lorsica, in provincia di Genova, che, dal Cinquecento, sopravvive intatta l’antica lavorazione del damasco, che trae la sua origine dall’omonima città siriana, famosa per la produzione di manufatti niellati, decorati con smalti neri su fondo in oro e argento. Proprio il contrasto lucido/opaco del fondo e del disegno del raso caratterizzano la lavorazione del damasco classico, ritenuto un tessuto “senza rovescio”.

Ferro battuto

La lavorazione del ferro battuto in Liguria ha radici antiche. Risalgono al XIII secolo i primi opifici in cui veniva lavorato il ferro, ma è a partire dal Quattrocento che i fabbri iniziano a realizzare i primi oggetti artistici e decorativi. L’arte dei fabbri ferrai ha raggiunto l’apogeo nel XV secolo grazie alla crescita del settore metallurgico nel Genovesato e nel Savonese. I centri d’eccellenza erano dislocati in Valle Stura e in particolare a Rossiglione sede di diverse corporazioni. Nel Centro Storico di Genova la memoria di questo antico mestiere è ancora presente nella toponomastica attuale: piazza Campetto, un tempo piazza dei Fabbri, o ancora via di Scurreria, dal termine scutoria, che indicava i forgiatori di scudi.

Filigrana

Chiamata da Benvenuto Cellini “lavoro di fili”, la filigrana divenne un ramo dell’oreficeria completamente autonomo a partire dal Seicento, evolvendosi, libera da appoggi e supporti, nella sua caratteristica produzione “a giorno”.
L’origine latina del nome (filum e granum) dimostra che le materie prime fondamentali per l’esecuzione di questa lavorazione sono filo e granulo d’oro o d’argento, intessuti magistralmente in un gioco di trame.
La tecnica orafa della filigrana veniva eseguita già dal secolo XIV a Genova, ma dal 1800 la produzione si sviluppa a Campo Ligure che diviene quindi la patria dei maestri filigranai che continuano ancora oggi a intrecciare minuziosamente i loro ricami in filigrana.

Legatoria

La rilegatura dei libri è da sempre una vera e propria arte: nelle legatorie si cucivano con cura minuziosa fogli di delicata pergamena e, in seguito, di carta ottenuta dalla macerazione degli stracci. La cucitura dei quaderni (fascicoli) è stata quasi totalmente soppiantata dalle nuove tecniche a incollaggio, tuttavia rimane ancora oggi destinata a libri di pregio e a rilegature di gusto più antico.

Liuteria

Nicolò Bianchi, liutaio genovese, che operò a Parigi per circa vent'anni tra il 1848 e il 1867, viene considerato il primo liutaio copista in senso moderno e forse l'unico dell'ottocento a costruire strumenti anticati. Fine conoscitore della liuteria classica italiana, aveva tra i suoi modelli prediletti un violino Guarneri del Gesù del 1741, stilisticamente vicino al "Cannone", il poderoso violino suonato dal genio genovese Niccolò Paganini e visibile presso i Musei di Strada Nuova, a Palazzo Tursi.

Macramé

Nel Seicento si sviluppa nel Levante ligure, e specialmente nel Golfo del Tigullio, la lavorazione di un particolare e prezioso tipo di merletto: il macramè. Il termine, di origini araba, indica una trina pesante, in genere di lino, interamente realizzata con la tecnica dell’annodatura manuale. Il macramè fu inizialmente impiegato per decorare orli di asciugamani, tovaglie e lenzuola; in epoca più recente invece venne reinterpretato come elemento decorativo per impreziosire borse e capi d’abbigliamento. 

Olio

L’olivo è senza alcun dubbio uno degli elementi caratteristici del paesaggio ligure. Presente sul territorio già dal 3000 a.C., la sua coltivazione si è espansa dal 1700 anche su pendici collinari e montane della regione grazie al sistema a terrazzamenti. Nel 1997 l’olio extravergine di oliva “Riviera Ligure” – che riunisce sotto un’unica denominazione la produzione di olio delle tre zone geografiche: “Riviera dei Fiori”, “Riviera del Ponente Savonese”, “Riviera del Levante” – ottiene il riconoscimento europeo di Denominazione di Origine Controllata (DOP). Caratteristica dell’olio ligure è il sapore fruttato con sensazione decisa di dolce o leggera sensazione di amaro e piccante.

Oreficeria

Artigiani del lusso, gli orefici genovesi godettero fino al 1800 di grande fama per la preziosità dei gioielli da loro modellati. Costituitisi in Corporazione degli Orefici verso la metà del Duecento, sono divenuti testimoni di un’arte di lunga tradizione. Via degli Orefici, una delle principali vie del Centro Storico, testimonia ancora oggi l’importanza che ebbe per la città questa antica corporazione.

Paramenti chiese

L’intensa religiosità dei liguri, unita al prosperare dell’artigianato tessile nostrano, rinomato in tutta Europa per la varietà e preziosità dei tessuti trattati, ha portato alla creazione di splendidi paramenti sacri. La parte preponderante del patrimonio d’arte tessile liturgica è composta da tessuti in seta, foggiati nelle diverse armature: taffettà, raso, damasco, velluto, lampasso a trame broccate in oro, argento e seta policroma.

Pelle

La realizzazione di una scarpa in vera pelle e cuoio, con tomaia sagomata su misura e cucita a mano, può richiedere anche più di un giorno intero di lavoro. L’effetto finale è di un’eleganza e raffinatezza tale da rendere la scarpa elemento principe di un abbigliamento ricercato.
Lo stile genovese nel vestire viene da molti paragonato a quello “british”: classico nel taglio, elegante e curato fin nel dettaglio. Nelle botteghe artigiane liguri vengono realizzati accessori moda quali borse, cinture, borsellini e portachiavi in pelle pregiata interamente cuciti a mano.

Pesto

La salsa fredda più famosa al mondo nasce in Liguria. La prima ricetta del pesto viene fatta risalire all’Ottocento, ma già durante il Rinascimento venivano preparate salse pestate come l’agliata, probabile progenitrice del tradizionale pesto genovese. Oltre al Basilico Genovese D.O.P., vengono pestati a crudo piccole quantità di aglio e pinoli, il tutto condito con Parmigiano Reggiano stravecchio, Pecorino Sardo e Olio Extravergine di Oliva “Riviera Ligure” D.O.P. Il pesto, così preparato secondo le ricette liguri, veniva un tempo lavorato con un mortaio di marmo e pestello in legno di balsa.

Profumeria

Genovese di nascita, Mario Sbarbori è stato uno dei “nasi” più famosi dell’Italia del Novecento. Dalla sua bottega di via di Scurreria arrivò a conquistare Parigi e persino gli Stati Uniti grazie all’originalità e purezza dei suoi profumi.

Sedia di Chiavari

Nel 1807 il Marchese Stefano Rivarola, ambasciatore della Repubblica di Genova, portò con sé al ritorno da un viaggio a Parigi alcune sedie parigine perché servissero da modello agli artieri chiavaresi.
Fu Giuseppe Gaetano Descalzi, detto il Campanino, a creare per primo l’inconfondibile sedia che prende il suo nome: un intreccio sottile di fili di legno pregiato e sapientemente stagionato per una sedia che, come disse l’ebanista “ha da essere leggera e robusta, deve diventare la sedia eterna”. Molti sono i modelli che seguirono a questa prima foggia, come la sedia “tre archi” di raffinata eleganza, la “parigina”, la “filippa”, la “tre spade” o “spadina” e numerose altre ognuna con il suo stile unico e inconfondibile.

Tessitura

La produzione tessile degli artigiani liguri si contraddistingue per la varietà: stoffe preziose come i damaschi e i rasi, il macramè e i laminati, ma anche semplici tele di cotone eccezionalmente resistenti, oggi conosciute con il nome di blues jeans, “Blu di Genova”. Infatti, anticamente i balestrieri della Repubblica di Genova vestivano divise di questo forte tessuto di colore blu. Oggi il classico blues jeans viene impreziosito anche con decorazioni applicate con la tecnica del “riporto alla genovese”.

Velluto di Zoagli

Il pregiato tessuto orientale, morbido e delicato, che gli arabi chiamavano “kahifet” giunse in Liguria a seguito delle Crociate. L’importanza rivestita dalla lavorazione del “Velluto di Genova” era legata all’impareggiabile morbidezza e lucentezza di questa stoffa serica che vestiva la nobiltà europea del tempo, come dimostrato dai dipinti di Van Dyck. L’Arte della seta consisteva nell’intrecciare su telai a mano sottili e lucenti fili di ordito e trama con fili supplementari per dare consistenza al tessuto.

Vetrate artistiche

Decorare una vetrata è, innanzitutto, dipingere con la luce, giocare con il colore; non a caso la realizzazione di vetrate artistiche si deve in un primo momento ai pittori più che ai vetrai. La fusione delle due arti, realizzata attraverso la legatura in piombo del colore al vetro, ha portato alla creazione di splendidi oggetti che diventano complementi d’arredo ed elementi decorativi particolarmente utilizzati nell’Art Nouveau.

Vetro

“A la façon d’Altare” contraddistingue il metodo altarese di lavorazione del vetro e individua molte tipologie di oggetti in vetro trasparente che diventeranno, nel tempo, un tipico linguaggio espressivo dei maestri vetrai del ponente ligure.
In Liguria la lavorazione del vetro si è sviluppata intorno alla prima metà del XII secolo, probabilmente a seguito dell’insediamento nell’Isola di Bergeggi (Savona) di una comunità di monaci benedettini provenienti dalla Provenza, e si è quindi attestata in Altare, provincia di Savona, fin dal basso Medioevo.

Vini

Sono ben otto i vini DOC prodotti lungo tutto l’arco ligure. Da Ponente a Levante si incontrano: il Dolceacqua Rossese, un vino rosso dal sapore fragrante e corposo dal profumo intenso. l’Ormeasco di Pornassio, un rosso dal gusto persistente, con sentori di ciliegia matura, mora e violetta. Ottimo anche come passito. Il Riviera Ligure di Ponente, denominazione che raggruppa i Pigato, Vermentino e Rossese prodotti dai vitigni di quest’area geografica. Il Valpolcevera ed il particolarissimo Valpolcevera Coronata, un bianco dal retrogusto quasi sulfureo apprezzato da Stendhal che lo menzionò nella sua opera “Viaggio in Italia”.
Il Golfo del Tigullio, che riunisce vini bianchi Passiti e Moscati; i vini rossi e bianchi delle Colline di Levanto e Colli di Luni, infine il Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà un vino passito, dolce e liquoroso particolarmente raro e raffinato.

 

Regione Liguria

Liguria International

CNA

Artigiani in Liguria

Confartigianato Liguria